zabaione cotto in gravidanza

Zabaione in gravidanza: ecco tutto quello che devi sapere.

Lo zabaione è un dolce della tradizione italiana molto diffuso e molto facile da preparare in casa, in quanto fatto con ingredienti semplici, e forse per questo molte donne lo mettono nella lista dei dolci da mangiare in gravidanza, ma è davvero innocuo come può sembrare?

Purtroppo, mangiare questo alimento durante la gestazione può essere rischioso, quindi se la vostra domanda è: posso mangiare la crema allo zabaione in gravidanza?

La risposta è: sarebbe meglio evitare, ma se non si può farne a meno, si possono seguire alcune accortezze che vi spiegherò meglio qui di seguito.

I rischi dello zabaione in gravidanza

zabaione cotto in gravidanzaLa gravidanza non è sicuramente il momento migliore per parlare a noi donne di diete o di alimenti da evitare.

Non solo perché stiamo letteralmente mangiando per due persone, ma anche a causa della comparsa delle cosiddette “voglie”, una combinazione fra la richiesta di determinati nutrienti da parte del nostro corpo e il nostro desiderio di essere “coccolate”.

Nonostante ciò, dobbiamo fare particolare attenzione agli alimenti con cui nutriamo noi stesse e i nostri bambini.

I rischi del mangiare zabaione in gravidanza sono principalmente legati a due degli ingredienti utilizzati per prepararlo: le uova crude e il marsala.

Pur non essendo presente in tutte le versioni di questo dolce, il marsala viene di solito aggiunto nella ricetta classica dello zabaione fatto in casa, ma il consumo di alcol può avere effetti devastanti sul tuo bambino sin dalle prime settimane di gestazione.

L’alcol, infatti, è in grado di attraversare la placenta e raggiungere il feto, che non ha modo di metabolizzarlo ed è quindi indifeso contro di esso. I danni provocati dall’alcol sono permanenti e potrebbero manifestarsi sin dai primi anni di vita.

Le uova rappresentano un altro fattore di grande rischio, perché se non cucinate potrebbero essere contaminate dal batterio salmonella e provocare danni irreversibili.

Salmonella in gravidanza: cos’è e come evitarla

La salmonella è il batterio responsabile della salmonellosi, un’intossicazione alimentare che si manifesta con diarrea, febbre e dolori addominali e che in condizioni normali ha un decorso di circa sette giorni e non necessita particolari cure.

E’ durante la gravidanza che questa infezione diventa realmente rischiosa, in quanto può compromettere la salute e lo sviluppo del feto, causando nei casi più gravi parto prematuro o aborto spontaneo.

Questo batterio si annida nel tratto intestinale degli esseri umani e degli animali, quindi tutti i prodotti di origine animale e derivati sono potenzialmente rischiosi, in quanto non c’è modo di riconoscere i soggetti infetti da quelli sani.

Sarà perciò buona norma evitare tutti i prodotti di originale animale come uova, latte e carne cruda, insaccati freschi e frutti di mare.

Gelato allo zabaione in gravidanza

gelato allo zabaioneA questo punto potrebbe sorgervi spontanea una domanda: e il gelato?

Sarete liete di sapere che il gelato è assolutamente concesso durante la gravidanza, a patto che sia quello artigianale (ma non fatto in casa!) e non quello industriale, che contiene conservanti e additivi spesso di dubbia natura che è meglio evitare, e a patto che il vostro gelataio utilizzi uova pastorizzate e non fresche nella preparazione.

Questo ovviamente non significa che ora potrete strafogarvi di gelato quando volete, ma in piccole quantità saltuarie il gelato può in effetti essere uno spuntino perfetto anche per sopperire alla repulsione verso gli alimenti proteici che a volte si manifesta in alcune fasi della gravidanza.

Il gelato, specialmente le creme, come lo zabaione, contiene le proteine delle uova e del latte e può quindi diventare un ottimo apporto nutritivo.

Zabaione in allattamento

L’avvelenamento da cibo implica in genere un accumulo di batteri nell’intestino, quindi non ha a che vedere con il latte materno.

L’unico “rischio” dato dall’avvelenamento da cibo durante l’allattamento può essere una diminuzione del latte materno in caso di disidratazione della mamma. In quel caso, sarà sufficiente rimanere a riposo, bere molta acqua e allattare più spesso per sopperire al fabbisogno del bambino.

Alcuni studi recenti affermano che in realtà mangiare uova durante l’allattamento può aiutare a prevenire l’allergia alle uova nel bambino, in quanto attraverso il latte materno la mamma passa i suoi anticorpi al neonato.

Sarebbe comunque buona norma durante questa fase delicata, così come durante la gravidanza, preferire lo zabaione pastorizzato, ossia quello fatto con uova cotte, a quello normale.

Zabaione pastorizzato in gravidanza

zabaione crudo in gravidanza

Lo zabaione è una crema dolce che nella sua ricetta più semplice è composta solo da tuorli d’uovo e zucchero.

Quest’ultimo non andrebbe strettamente evitato, ma bisogna comunque considerare che per fare lo zabaione si utilizza una grande quantità di zucchero che si traduce in una grande quantità di calorie, a cui bisogna sempre fare attenzione.

Come vi ho già spiegato nei paragrafi precedenti, il principale rischio correlato allo zabaione crudo sono le uova, in quanto potrebbero provocare la salmonellosi.

Per questo motivo, sarebbe meglio evitare questo alimento in gravidanza, così come tutti gli altri alimenti che includono uova crude, come il tiramisù e la maionese fatta in casa.

Se non se ne può proprio fare a meno, una soluzione potrebbe trovarsi nello zabaione cotto. Si tratta, in sostanza, della stessa ricetta, ma con un procedimento leggermente diverso: si fa bollire lo zucchero con dell’acqua, che poi si aggiunge ai tuorli d’uovo sbattuti, in modo da pastorizzarli.

Una ricetta alternativa è lo zabaione con albume, anche chiamato spuma di zabaione: in una ciotola si mescolano i tuorli d’uovo con lo zucchero, nell’altra si montano a neve gli albumi con zucchero a velo e un pizzico di sale; si scaldano i tuorli a fiamma bassa fino ad ebollizione, eliminando così il rischio di salmonellosi, e poi si uniscono agli albumi, mescolando in senso verticale per ottenere la spuma.

Cosa fare se hai mangiato zabaione in gravidanza

zabaioneSe hai inavvertitamente mangiato zabaione in gravidanza, per prima cosa cerca di capire se fosse stato fatto con uova crude o cotte. In quest’ultimo caso, non hai di che preoccuparti.

Anche se lo zabaione fosse stato fatto utilizzando uova crude, non disperare. Le nuove norme europee per il controllo degli allevamenti hanno portato ad un significativo declino della diffusione del batterio salmonella.

I sintomi della salmonellosi cominciano a manifestarsi fra le 12 e le 72 ore dopo aver ingerito l’alimento infetto, di solito con febbre, diarrea, nausea o dolori addominali.

Se dovessi cominciare ad avere anche solo uno di questi sintomi contatta immediatamente il tuo medico di famiglia, così da intervenire tempestivamente e trovare la cura più adatta al tuo caso.

L’alimentazione non va mai trascurata, specialmente quando siete responsabili di una nuova vita che cresce dentro di voi.

Non dimenticate che tutto ciò che mangiate va a nutrire anche il vostro bambino, perciò sarà fondamentale non commettere errori.

Ricordate comunque che l’unico modo per essere sicuri di non correre alcun rischio è di evitare del tutto il consumo di zabaione durante la gravidanza.

ARTICOLI CORRELATI