miglior ciuccio

I 5 Migliori Ciucci Per Neonati Del 2021

#1
ciuccio chicco

1. Ciuccio PhysioForma Chicco

Il migliore in assoluto

#2
ciuccio Nuk

2. Ciuccio Happy Days NUK

Il migliore qualità-prezzo

#3
ciuccio tommee tippee

3. Ciuccio Materno Tommee Tippee

Il più economico

#4
ciuccio Philips Avent

4. Ciuccio Philips Avent

Il più venduto

#5
ciuccio alla frutta

5. Ciuccio Alla Frutta

Il più versatile

I 5 migliori ciucci per neonati - Classifica 2021

Scegliere il miglior ciuccio per bambini non è un'impresa facile poiché ne esistono moltissimi modelli diversi, perciò per potervi dire con sicurezza quale sia il miglior ciuccio del 2021 ne abbiamo acquistati 15 e li abbiamo testati uno ad uno.

Tra quelli che ci hanno colpito di più c'è ciuccio in caucciù Chicco, con un design accattivante e facilissimo da sterilizzare, e il ciuccio in silicone naturale Tommee Tippee, pensato per chi vuole tenere un occhio al portafoglio senza scendere a compromessi con la qualità.

Se invece state cercando qualcosa di diverso, come ad esempio un ciuccio per abituare i bambini al cibo solido, continuate a leggere perché abbiamo trovato il ciuccio perfetto per le vostre esigenze!

IL MIGLIORE IN ASSOLUTO

IL MIGLIORE IN ASSOLUTO

IL MIGLIORE IN ASSOLUTO

1. Ciuccio PhysioForma Chicco

ciuccio chicco

Pro

  • Buon rapporto qualità-prezzo
  • Facile da sterilizzare
  • Design accattivante
  • Non copre troppo il viso
  • Materiale di origine naturale

Contro

  • Può avere un odore un po' forte

Recensione:

Il primo prodotto di cui parliamo è il ciuccio in caucciù Chicco considerato da molti genitori il miglior ciuccio per neonati sul mercato.


Questo ciuccio è progettato con un'esclusiva forma, scelta e studiata da Chicco, in modo da aiutare il bambino a posizionare la lingua in avanti, lasciando aperte le vie aeree. 


In questo modo si supporta la respirazione fisiologica, si favorisce il corretto sviluppo della bocca e si distribuisce equamente la pressione sul palato.


Questo tipo di forma è stata studiata in collaborazione con dentisti esperti, in modo da garantire uno sviluppo corretto di bocca e palato.


I materiali sono di origine naturale: il caucciù ha un colore naturalmente ambrato e risulta morbido e poroso, con una consistenza che al bambino ricorda quella della pelle.


L'odore del caucciù può risultare un po' troppo forte per alcuni bambini, ma è semplicemente una questione di gusti ed è difficile saperlo in anticipo.


La base è morbida e bombata e risulta simile al seno della mamma, consentendo un appoggio comodo delle labbra.


La forma del ciuccio riduce anche il ristagno della saliva, che alla lunga potrebbe causare irritazioni.


In generale il ciuccio risulta morbido e delicato sul volto, comodo anche durante il riposo e la nanna.


Il ciuccio viene venduto con una confezione che è riutilizzabile come porta-ciuccio e che può essere utilizzata per sterilizzare il ciuccio in pochissimi minuti.

IL MIGLIORE QUALITA' - PREZZO

2. Ciuccio Happy Days NUK

ciuccio Nuk

Pro

  • Design accattivante
  • Ottimo rapporto qualità-prezzo
  • Disponibile in diverse varianti
  • Facile da sterilizzare

Contro

  • Potrebbe non risultare abbastanza morbido

Recensione:

Il secondo prodotto nella classifica dei cinque migliori ciucci per neonati è il ciuccio Nuk, particolarmente apprezzato per l'ottimo rapporto tra la qualità dei materiali ed il prezzo.


Anche questo modello promuove uno sviluppo sano di denti e mascella, allenando le labbra, la lingua e i muscoli facciali del bambino.


La Forma del succhiotto è modellata sulla forma del capezzolo materno e aiuta il bambino ad abituarsi facilmente al ciuccio.


Il ciuccio presenta una tettarella piatta e sottile che si adatta con facilità alla bocca, donando una sensazione naturale di comfort.


Inoltre grazie al sistema di ventilazione Nuk Air System viene favorita la circolazione dell'aria che consente alla pelle di respirare e permette alla testina di rimanere morbida e asciutta.


Il silicone di cui è fatto il ciuccio è molto morbido ed estremamente resistente al calore, conferendogli un sapore neutro che difficilmente andrà a disturbare la sensibilità dei bambini.


La grande resistenza al calore permette di poter sterilizzare comodamente il ciuccio, grazie anche alla pratica custodia portatile inclusa nel kit: comoda per portare il ciuccio in giro mantenendolo pulito, ma anche per sterilizzarlo nel microonde.

IL PIU' ECONOMICO

3. Ciuccio Materno Tommee Tippee

ciuccio tommee tippee

Pro

  • Forma simile al seno della mamma
  • Prezzo molto contenuto
  • Facile da sterilizzare
  • Molto delicato sulla pelle

Contro

  • Si sporca più facilmente essendo cavo

Recensione:

Se quello che state cercando è un ciuccio simile al seno materno, il Tommee Tippee fa sicuramente per voi. 


Per molti genitori l'idea di dare un ciuccio al proprio bambino può risultare difficile, per questo esistono diversi modelli che propongono un'esperienza il più naturale possibile.


In questo caso, il Tommee Tippee è un ciuccio per bambini allattati al seno, pensato ed ideato con una forma e dei materiali che aiutino il più possibile la transizione del bambino dal seno al biberon e al ciuccio.


È realizzato in silicone naturale ed è molto morbido: in grado di flettersi e allungarsi e offrire al bambino un comfort il più possibile simile al seno della mamma.


Anche l'attacco è sviluppato con un occhio di riguardo per i bambini: l'azione del succhiare e l'accumulo di saliva possono portare ad irritazioni sulla pelle intorno alla bocca del bambino


L'attacco naturale di questo ciuccio non aderisce al viso del bambino e aiuta a garantire una ventilazione perfetta che previene le possibili irritazioni e riesce ad aumentare il passaggio dell'aria.


L'unica pecca è la mancanza di un contenitore per poterlo portare in giro senza sporcarlo e per poterlo sterilizzare nel microonde. 


La pulizia e la sterilizzazione risultano comunque molto facili e veloci.

IL PIU' VENDUTO

4. Ciuccio Philips Avent

ciuccio Philips Avent

Pro

  • Lavabile in lavastoviglie
  • Facili da sterilizzare
  • Costo contenuto
  • Disponibile in diversi design
  • Cappuccio igienico compreso

Contro

  • Non è presente un contenitore

Recensione:

Il quarto modello di cui parliamo è il ciuccio Philips Avent, in assoluto il più comprato dai genitori.


Grazie alla grande varietà di modelli e al costo contenuto, il Philips Avent è perfetto per i neonati, ma può essere utilizzato anche nei periodi successivi della vita del bambino.


Questo ciuccio è caratterizzato da uno scudo sagomato e da una tettarella ortodontica, piatta e simmetrica, pensata e sviluppata appositamente per non interferire con lo sviluppo naturale dei denti, del palato e delle gengive.


La tettarella è robusta e duratura e non perde facilmente colore e forma con l'usura.


Il sistema di aerazione è innovativo: presenta sei fori nello scudo ricurvo che permettono alla pelle del bambino di respirare e di evitare il ristagno di saliva e acqua, che potrebbe causare irritazioni alla pelle.


Il ciuccio Philips è in silicone, senza BPA, inodore e insapore, il che lo rende particolarmente facile da accettare per il bambino.


Quando il ciuccio non è in uso si può comodamente inserire il cappuccio igienico in dotazione, per riporlo mantenendolo sicuro e pulito.


Anche la pulizia e la sterilizzazione sono facili e immediate: si può inserire in uno sterilizzatore, immergerlo in acqua bollente o addirittura lavarlo in lavastoviglie.

IL PIU' VERSATILE

5. Ciuccio Alla Frutta

ciuccio alla frutta

Pro

  • Perfetto per abituare il bambino ai cibi solidi
  • Facile da pulire
  • Comodo
  • Ottimo rapporto qualità-prezzo

Contro

  • Non è presente un contenitore per riporlo

Recensione:

L'ultimo ciuccio nella nostra classifica è un modello apprezzato da molti genitori perché è in grado di abituare i bambini ai cibi solidi in modo perfettamente sicuro.


Questo modello può essere utilizzato con frutta fresca o congelata, verdure, frammenti di ghiaccio o latte: si inserisce il cibo desiderato nel ciuccio e lo si lascia tranquillamente in mano al bambino.


I fori non consentono il passaggio del cibo solido e i bambini si divertono moltissimo a succhiare e mordere il ciuccio.


Il materiale con cui è realizzato è silicone senza BPA, perfettamente sicuro per essere utilizzato. Molti genitori lo consigliano anche per quando i bambini hanno dolori dovuti alla dentizione.


Questo ciuccio è anche molto facile da pulire: basta semplicemente lavarlo con acqua calda e sapone o sterilizzarlo con acqua bollente nel microonde o in lavastoviglie. 

Come scegliere il ciuccio perfetto per vostro figlio

Scegliere il miglior ciuccio per bambini non è certo facile, esistono moltissimi prodotti differenti, e ognuno di essi ha dei lati positivi e dei lati negativi.

Infatti oltre a dover considerare le diverse caratteristiche di ogni ciuccio è importante tenere a mente anche le esigenze del vostro bambino.

Perciò per aiutarvi a scegliere il ciuccio perfetto abbiamo creato una pratica guida nella quale troverete tutti i criteri da prendere in considerazione durante la scelta di un ciuccio.

Tipologia

La prima caratteristica da considerare quando si deve scegliere un ciuccio è sicuramente la tipologia, ovvero la forma della tettarella.

In commercio ne esistono di differenti tipologie, tutte studiate appositamente per le diverse fasi di vita del bambino, o semplicemente per venire incontro alle loro preferenze.

Ciuccio a ciliegia

La prima tipologia è quella del ciuccio a ciliegia, il quale ha una forma rotonda ed è pensato appositamente per i genitori che vogliono dare il ciuccio al bambino fin dalla nascita.

Con la sua forma piccola e rotonda, questo ciuccio a forma di capezzolo è pensato per non compromettere il corretto avvio dell'allattamento.

Ciuccio a goccia

La seconda tipologia è quella del ciuccio a goccia, che ha una forma simmetrica e una buona aderenza al palato.

Il ciuccio a goccia è generalmente utilizzato nella seconda fase della vita del bambino, subito prima di passare alla terza tipologia.

Ciuccio anatomico e anticolica

L'ultima tipologia di ciuccio disponibile è quella del ciuccio anatomico, che ha una forma a goccia schiacciata e curva verso l'alto, il cui scopo è adattarsi bene al palato del bambino.

Esiste anche un modello di ciuccio anticolica pensato apposta per ridurre al minimo il rischio di coliche nel bambino.

Oltre a queste 3 tipologia di ciuccio, ne esistono altri con funzioni molto specifiche, un'esempio sono i ciucci ortodontici, il cui obiettivo è aiutare a sviluppare correttamente la bocca e il palato del bambino.

Materiale

La seconda caratteristica da considerare durante la scelta di un ciuccio è il tipo di materiale di cui è fatto: la scelta dipende soprattutto dai gusti del bambino, ma ci sono anche altri dettagli da non sottovalutare.

Ciuccio in silicone

Il ciuccio in silicone è uno dei modelli più diffusi, molto apprezzato perché inodore e insapore, non si modifica con l'utilizzo ed è molto resistente.

Quest'ultima caratteristica lo rende un po' meno flessibile e adattabile, ma molto apprezzato dai genitori anche per la resistenza al calore.

Il ciuccio in silicone è più consigliato per i primi mesi di vita del bambino: non avendo ancora i denti, non rischia di danneggiarlo troppo.

Ciuccio in lattice

Il ciuccio in lattice è un prodotto naturale, resistente e morbido, ma presenta lo svantaggio di essere fatto con un materiale che è in grado di trattenere acqua e odore.

Con l'uso frequente e la naturale usura del tempo, il ciuccio in lattice presenterà sicuramente delle alterazioni e dovrà essere sostituito.

Ciuccio in caucciù

La terza tipologia è quella del ciuccio in caucciù, consigliato dopo i primi mesi di vita: il materiale è elastico, naturale e morbido, molto apprezzato dai bambini.

Il lato negativo è che la sterilizzazione non può essere effettuata in acqua bollente, perché il caucciù tende a deformarsi con il calore.

Anello

Una delle caratteristiche che molti genitori ritengono importante nella ricerca dei migliori ciucci per bambini è la presenza dell'anello di sicurezza, il cui scopo è evitare che il ciuccio cada spesso, con conseguente igienizzazione e sterilizzazione frequente.

Ci sono anche dei ciucci più recenti che hanno eliminato del tutto l'anello per la catenella, sostituendolo con una piccola apertura dalla quale si può attaccare il ferma ciuccio.

Alcuni ciucci non hanno questa caratteristica aggiuntiva, quindi tenetelo a mente se è una caratteristica che per voi conta molto.

Design

Anche il design del ciuccio è un elemento importante, sia per i genitori (che possono decidere di abbinarlo anche ai vestiti del bambino) sia per il bambino, che sarà sicuramente più contento con un design pensato proprio per lui.

Da questo punto di vista le scelte sono pressoché infinite, infatti in commercio esistono ciucci con centinaia di colori e fantasie diverse, perciò si tratta solo di trovare quella che piace di più a voi e al vostro bambino.

Pulizia

L'ultima caratteristica da tenere in considerazione, che riguarda soprattuto i genitori, è la facilità con cui si può pulire il ciuccio.

Fare i genitori è un lavoro che richiede molto tempo, e facilitarvi il compito scegliendo un ciuccio semplice da pulire e sterilizzare può essere un'ottima idea.

La pulizia e la sterilizzazione del ciuccio variano da modello a materiale: alcuni possono essere puliti semplicemente con acqua calda e sapone, mentre altri possono essere messi direttamente nella lavastoviglie.

Alcuni modelli vengono venduti con un contenitore che può essere scaldato nel microonde, in modo da sterilizzarlo comodamente e velocemente.

Per altri invece, la sterilizzazione deve essere effettuata in acqua bollente (con acqua in ebollizione per almeno cinque minuti) o attraverso il vapore, con sterilizzatori appositi.

Detto ciò, quando scegliete un ciuccio per vostro figlio, fate molta attenzione a quali sono i modi in cui può essere pulito, perché questo semplice dettaglio può fare una grande differenza durante l'uso quotidiano.

Domande comuni sull’acquisto di un ciuccio

Se arrivati fin qui avete ancora dubbi su quale sia il ciuccio che fa per il vostro bambino, di seguito trovate le domande più comuni che i genitori si pongono durante la scelta del miglior ciuccio per neonati.

A cosa serve il ciuccio?

Abbiamo detto molte volte che tantissimi bambini cominciano ad usare il ciuccio a poco dopo la nascita: il suo uso è importante è spesso e volentieri supporta sia i bambini che le mamme nei momenti di piccole sofferenze.

Il ciuccio è per i bambini un momento di protezione (magari durante i piccoli dolori dovuti a colichette o semplicemente durante una notte un po' insonne): i bambini lo tengono in bocca in maniera perfettamente naturale, visto e considerato l'istinto di suzione presente fin dalla nascita.

L'uso del ciuccio per alcuni bambini è assolutamente necessario, e in generale è consigliato per tutti: l'importante è non farne un uso troppo prolungato, e non proseguire ad utilizzarlo dopo i due anni di vita, perché questo può portare a dei piccoli fastidi che potrebbero essere facilmente evitati.

Per quanto riguarda i benefici, la società italiana di ortodonzia ha rilevato che l'utilizzo del ciuccio ha effetti benefici, essendo uno strumento che calma il bambino e che favorisce lo sviluppo dell'apparato masticatorio.

Qual è l’età giusta per dare il ciuccio al neonato?

Come già accennato, moltissimi bambini cominciano ad usare il ciuccio fin dalla nascita: è uno dei primi accessori che il bambino sperimenta e diventa poi parte integrante della sua vita fino a quando arriva il momento di toglierlo.

Nei primi periodi è importante stimolare la suzione dell'allattamento al seno, e per supporto ai primi fastidi specialmente durante le ore notturne.

Con il trascorrere del tempo la cosa migliore è cominciare a diminuirne gradualmente l'uso, per evitare che il bambino si abitui troppo e che diventi poi difficile farne a meno.

Verso i due o tre anni di vita il ciuccio deve essere presente in misura via via più ridotta, fino a toglierlo del tutto, in modo che non crei problemi e che non diventi una parte eccessivamente integrante della vita del bambino.

Quando bisogna cambiare il ciuccio?

Una delle domande che i genitori si pongono più spesso riguarda il momento di sostituire il ciuccio: in linea di massima sarebbe meglio cambiare il ciuccio ogni due mesi, per garantire maggiore sicurezza al bambino.

I ciucci in silicone vanno subito sostituiti in caso di abrasioni (il che può succedere frequentemente quando il bambino ha già i dentini), quelli di caucciù quando cominciano a diventare troppo porosi e presentano una patina biancastra.

È sempre buona regola cambiarli frequentemente, in modo da evitare che diventino portatori di cattivi odori oppure, ancora peggio, di germi e batteri.

DISCLAIMER AFFILIAZIONI: Genitorisidiventa.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. In qualità di Affiliato Amazon, il proprietario del sito riceve un guadagno per ciascun acquisto idoneo.